Get PDF LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition) book. Happy reading LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF LA STELLA CHE ESPLODERA (Italian Edition) Pocket Guide.
Navigation menu
Contents:


  1. Maxine Cheryl
  2. Intestazione 2
  3. Index of /page_2
  4. 36 Best Articles images in | Articles, Science, African union

Prickly pears mostarda, honey and a plethora of produce are the bounty you can get at Zafferana Etnea. Ancient bush-adapted vines spring out of the dark, lava-rich soil on drystone terraces. Farmers hang vine leafs from their balconies to advertise wine grown from grapes on the slopes of the volcano.

Nerello Mascalese is the grape behind top volcanic reds from the territory. Ancient bush-adapted vines spring out of the dark, lava-rich soil. But actually winemaking may have begun more than 6, years ago in some Etna villages, according to scientists from the University of South Florida. Zafferana Etnea is a place of natural beauty and profound tradition. Photo: Rosario Cavallaro. Another legend has it that pre-Socratic philosopher Empedocles, a citizen of Agrigentum, died by throwing himself into Mt.

Etna so people would believe his body had vanished and he had turned into an immortal god. But the volcano threw back one of his bronze sandals, revealing the deceit. Etna apples are everywhere: small, sweet and delicious hanging from the trees, the scent of the fallen fruit drunkenly filling the air.

As well, beekeeping has great importance. The climate and terrain result in high quality chestnut and orange blossom honey. Novelist Vitaliano Brancati spent some of his most productive summers here at his villa, writing Don Giovanni in Sicilia and Paolo il Caldo. In some other Sicilian writers established prestigious literary awards in Zafferana, the Premio Brancati named in honor of Vitaliano which is held each year in September.

The town is also a frequent stop for those who want to reach the small but vibrant ski stations of Rifugio Sapienza or Piano Provenzana. Yet Mount Etna keeps smoldering over Zafferana. Some days it spews volcanic ash onto the streets. Situato nel Parco Regionale dell'Etna, questo paesino di 7.


  1. Gianna Nannini - Ogni tanto lyrics + English translation.
  2. The Diary Of My Circus (Italian Edition).
  3. Oh no, there's been an error!

Quando sputa fiamme arancioni nel cielo che svanisce al tramonto, non hanno paura. L'ultima volta che il vulcano ha rappresentato una seria minaccia per i villaggi sulle sue pendici fu nel , quando i flussi di lava si diressero verso Zafferana. Vecchie viti diventate cespugli spuntano dallo scuro terreno ricco di lava su terrazzamenti a secco. Gli agricoltori appendono foglie di vite ai loro balconi per pubblicizzare vino prodotto da uve delle pendici del vulcano.

Alto quasi Potete assaggiarli tutti durante l'Ottobrata, un festival gastronomico che dovrebbe essere nella lista di tutti i buongustai. Le mele dell'Etna sono dappertutto: piccole, dolci e deliziose pendono dagli alberi, il profumo del frutto caduto riempie l'aria ubriaco. Inoltre, l'apicoltura ha una grande importanza. Vita rurale, turismo e cultura convivono pacificamente a Zafferana. Nel altri scrittori siciliani istituirono prestigiosi premi letterari a Zafferana, come il Premio Brancati in onore di Vitaliano che si tiene ogni anno a settembre.

La gente impazzisce per i caldi e appena sfornati Sciatori dell'Etna, i biscotti burrosi fatti con un superbo cioccolato. Intanto l'Etna continua a bruciare lentamente sopra Zafferana. Alcuni giorni sparge cenere vulcanica sulle strade. Skip to main content.

Vibrant life, volcanic tales and viticulture at Zafferana Etnea mariella radaelli Mar 20, More By Author. Remembrances of times past: a long lunch with Zeffirelli. Italian Summer: swimwear for magical moments at the seaside.

Maxine Cheryl

See More Articles. I will never forget how Franco Zeffirelli made me feel welcome that spring-like day on March 20, when he invited me to lunch at his Roman villa July 2, I think that speaking with an artist is always, always an honor. And for this reason, I was truly delighted and — I must admit — quite excited, by For Italian-Americans , Let me tell you how the year went down.

I have cataloged a very personal list of the highlights of , but I've invariably left out important people and things; I hope you and the people I have neglected will graciously forgive me for my omissions. I highly recommend the outlets and artists listed below. I have been working with them because we share ideas and feelings about how art should be. Guest mixes:. This year I really got into doing mixes.

Intestazione 2

In November, I started my own monthly hour-long show, which has been an intense and rewarding experience. I was also really grateful for Mumdance inviting me to do a mix for his Rinse FM show. I didn't manage to get a full-length release out in , but I still released a lot of music. One was for Vancouver-based Decoy Magazine and included some algorithmic drawing and design that I did especially to accompany that track. Another track was for the Beatgatherers label.

Ogni tanto

They are patiently waiting while I finalize an EP of tracks for them, hopefully coming early next year. Seagrave also gave me the chance to put a track on an excellent compilation, and Conditional Recordings gave me the same chance to include a track amongst amazing tracks from a lot of friends. Another of my collaborators, Steph Horak, edited a track out of a live recording, and it was included on a compilation put together by Atau Tanaka and released first with Wire Magazine and later on NX Records. Steph and I have some releases coming up and hope to be doing more shows together in the coming year.

Spednar's Cosmic Sound also broadcast one of my live recordings. I have an album for Halcyon Veil that has been under works for a long time. It may not make it out by the end of this year, but it's coming imminently. It's been a pleasure working with Rabit and crew like Jesse Osborne-Lanthier and Lane Stewart on the release, and I'm excited that I am going to be able to share it with everyone very soon.

I've been really fortunate to work on many collaborations this year. The inimitable Fis and I worked very hard to finally enjoy a really fun set at Berlin Atonal this past summer and make an unforgettable experience for me, anyway. Steph Horak and I were able to continue the collaboration that we started last year, with her on processed vocals and effects and me doing my live coding, which has been satisfying in many ways. Metome , a favorite producer and nice guy in Kansai, asked me to do a remix which I think comes out soon.

You can hear it now in the mix that Lanark Artefacts asked me to make for his excellent Radar Radio 24 hour takeover. My collaboration with Analchang is an important one. Her unique vocals and performing style are superfun to accompany, and I'm grateful for her confidence in my sound. We couldn't manage as many performances this year as last, but those were special, and we hope to have an album out next year.

There are several people that I've worked with in the past year on music that will be released next year. One is Jason Kerley , a British producer now based in Glasgow. Another is Lilium Kobayashi , with whom I've had many educational conversations. She has put out good records this year, and she kindly helped me to put together an intense bpm track hopefully coming out next year.

Meuko Meuko has been a constant supporter. She put out a great EP this year, and her live performance at Kagurane in Tokyo was one of the best performances that I have seen this year. We have a number of tracks that will hopefully be out next year, including the one that I used to conclude my Unthinkable mix a while back. Her patience is amazing! A fun studio session took place with her and Foodman in Tokyo, and we hope to have that music released in the coming year. I have also been fortunate to be accompanied live by visual collaborators, including the formidable software developer Hexler -- check out his TouchOSC and KodeLife applications -- and Naoto Bando.

Many people have collaborated with me on events, and Conditional artist and friend Moxus has been instrumental to my activities in Tokyo. He's producing powerful and unique algorithmic music, and he does it live through live coding, which is also a must to see if you have the chance. Live coding and Algorave pioneer Yaxu continues to be a massive influence in my life. Ever since his seminal article "Hacking Perl in Nightclubs", not to mention recordings of his band Slub, my course has been swayed. He has kindly supported my participation in a number of algoraves, and we have exciting things planned for next year.

Other events, like the Berlin Atonal event and corresponding New Assembly Tokyo were crucial to how this year developed. These events were full of essential performances and are still shaping the development of my practice. The Circus Tokyo crew also stepped in when I was I need. The crew at Macao hosted me for an extraordinary event this year, and along with the Haunter Records, they have given unwavering moral support. Daniel M Karlsson, another Conditional artist, hosted me in Stockholm. Our discussions have been constantly on my mind since that residency at EMS, and I frequently revisit the sounds of his super album this year.

Masataka Takahashi has also supported me so much by including me repeatedly in his Nonlinear-nauts event series in Tokyo, an event that you should attend if you are lucky enough to be in Tokyo when one is held. Hideo Nakasako , of the venue Stomp in Osaka, has been producing strong tracks and generously sharing them with me. He also included me in a memorable ambient event over the summer. It is surely obvious that Conditional has been a very important label for me this year.

Boss Calum Gunn and composer Phil Julian also gave me the chance to design the cover for Phil's stimulating album out this past year. Working with the algorave scene continues to be among my most fulfilling experiences, and I have especially high expectations for how these artists and this culture develop. Chevel's Enklav is going in exciting directions, and I'm working on plans with them.

Seagrave has also been super-helpful, consistently putting out good music and helping me to work on a project. Quantum Natives continues to be a vital collective, rightly earning a feature on the cover of Wire. One of the top Quantum Natives highlights for me this year was getting a mention in the lyrics to Recsund 's crazy and danceable Intellectual Reject album. There have been many releases and performances that have shaped my thinking this year. Regarding music has come out this year, there are so many good things on Conditional. Conditional artist Kindohm has supplied me with a steady stream of hot unreleased tracks.

Haunter Records releases have been on point; meeting Petit Singe and Aisha Devi this year were definite high points. The unstoppable Yoshitaka Hikawa simply overwhelms with high quality output. Rabit 's new album provides new hints on each listen. I'm really happy about people doing experiments with rhythm, like on the obvious releases by Jlin , M. More locally to me in Japan, DJ Fulltono and Ena have been among the things that I have listened to the most, and they have repeatedly demonstrated their mastery live. Those performances by Fulltono and Ena are easily the top live performances I've experienced this year.

RP Boo was another superior and uniquely rhythmical live DJ set, not to mention the fact that I'm still constantly playing his guest mix for Covco. Joana Chicau is a live coder, designer, and dancer who is making urgent hybrid performances, that while not traditionally musical, are arresting. Using all of these methods, she does startlingly original performances which should be seen. Visually I've been influenced by the historical works of Vera Molnar.

Manfred Mohr continues to produce exciting algorithmic drawings, as does Satoshi Aizawa.

follow

Index of /page_2

Thank you for going over these activities with me. I regret the things that I've inadvertently neglected in this list. If you follow my Twitter feed, you can get my recommendations in realtime. I hope your is as fruitful and enjoyable as my has been. Marco Caizzi.

Dopplereffekt — Cellular Automata Leisure System. EX03 — Various Ekster. Golden Cup — Futura Soave. Bjork — Utopia One Little Indian. Ryuichi Sakamoto — Async Commons. Joshua Abrams — Simultonality Eremite Records. John Duncan. Image sequences interwoven between drone images of destroyed cities and visually amplified pornography to contrast the illusion of human affection with the reality of its absence, to cut between alluring promise and total despair, punctuated by sudden, stark narration and edited to the soundtrack of Mantra.

Ur Sonate Live - John Duncan. Narration and a Serge soundtrack support the endless circling of a caged dog, the narration ending with: 'It's all part of a game between the guards who follow the rules and the inmates who defy them, both sides slaves to a system that cares nothing for them except as feed. Composed with field recordings of nuclear attack warning sirens and vocals with words by Antonin Artaud and Mina Loy.

Klaar - John Duncan. LP release by Oren Ambarchi's Black Truffle records of mid '90's experiments for field recordings and voice recorded in and around Amsterdam. CD release in limited edition not for sale. Mike Stoltz. New Releases:. Sneaks - It's a myth Merge. Make a mess records. SiP - Live at the Whistler. Henry Barnes. Pietro Bianchi. Droptopwop un collaborative album con Metro Boomin e Mr. E aggiungiamo noi: peggio per loro.

Zan Lyons. Interactive entertainment is entering a golden age Hellblade tackles the subject of schizophrenia in an epic and unnerving nordic adventure. This year is no different. In a distant post-apocalyptic future, humanity has reverted to a tribal state and large mechanical creatures roam the baron earth. We assume the role of Aloy, a motherless outcast in search of the secrets of planet.

The voice acting is equal with that of the greatest works of cinema and the cast are made up of a diverse array of characters each giving a different insight into this magical and often menacing world. Visually the game pushes every pixel out of the PS4 and the results are stunning. There was a time when Games liberally borrowed from cinema, Metal Gear Solid plays like a homage to the silver screen and countless titles have referenced Blade Runner.

Now the tables are turning. They craft vast interactive environments with a detailed precision that makes you feel like you are experiencing their personal vision. Gaming is now, in my opinion, the most inspiring medium. While Franchises, remakes and superhero films clogged our cinema screens for much of the year, games are taking more risks, pushing more boundaries, exciting more people than ever before and showing why this is the most important narrative form right now.

Onga Boring Machine. Li metto in ordine alfabetico che affidargli un livello di importanza, dopo questa scrematura, mi imbarazza. Dean Hurley - Anthology Resource Vol. Io lo ascolto dovunque, dallo stereo, dal computer, in macchina a tutto volume. Sempre uguale e sempre in movimento. Ci vuole dai. Questo mi ha divertito moltissimo e mi pare che non segua per niente le mode, oppure sono io che non le seguo e mi sto sbagliando di brutto.

Ottimo direi. Disco di una apparente stasi infernale, che invece si muove sotto la corteccia cerebrale e ti trasporta non sai nemmeno dove. Alla faccia di tutti i trend, che accelerino o meno, computer music scritta su carta, tradotta in codice macchina autogenerativo, filtrata dai synth, ri-suonata e ri-filtrata fino a diventare un inferno di note sintetiche in continua evoluzione.

Ho detto pazzesco? Yair Elazar Glotman — Compound Subtext Non bisognerebbe fidarsi dei consigli della propria filter bubble social. Ristampe In generale, fuck ristampe.

36 Best Articles images in | Articles, Science, African union

Questa cosa di riesumare, rispolverare, rivalutare qualsiasi cosa di vecchio ha preso una piega imbarazzante e fa solo male alla musica prodotta da persone vive oggi. Detto questo, ci sono dei casi in cui i recuperi sono davvero meritori. Peccato non averci assistito davvero. Tommaso Prevedello.

Joseph Shabas on — Aytche Western Vinyl. Mike Cooper — Raft Room Bertrand Mandico. La musique de Badalamenti embrasse la notion de vie et de mort. Il faut voir ce film pour remetter cette merveilleuse musique dans son contexte initial. Luca Pacilio. Painted Ruins - Grizzly Bear : spostamenti progressivi del piacere. Arca - Arca : Sex and Zen. Rest - Charlotte Gainsbourg : Daddy nostalgie. Voyager - Vitalic : The Addiction.

Migration - Bonobo : Un sacco bello. Process - Sampha : La cicala. Cuidado Madame - Arto Lindsay : L'ora di religione. Boo Boo - Toro y Moi : Cinque pezzi facili. Melodrama - Lorde : La grande abbuffata. Mister Mellow - Washed Out : Lo stato delle cose. Hot Thoughts - Spoon : Ragazzi fuori. Plunge - Fever Ray : Un cuore in inverno. Low in High School - Morrissey : Nostalghia.

Luigi Abiusi. Ma gli allunaggi sono saldi e ricordano quelli di Jonas Munk. Dubbie chitarre, ora in versione orientale, anche in New Energy dei Four Tet. Viaggio iniziato tra frammenti sonori galleggianti, frastuoni industriali, apocalissi di voci, alla ricerca di una qualche trama riconoscibile. How Did I Find Myself? Sullo sfondo un motivo drammatico di chitarra Calipso. In Holy Caves poi si apre uno spazio di contemplazione dentro penombre, barlumi serali che tornano nella ballata sui generis di Astral Wave , poi ancora frenesia, folle dimenarsi su piatti e rullante, stridori di corde distorte.

Luciferian Towers dei Godspeed You! Ed ora un campo, una collina di papaveri se ne sta nel vento di una primavera pasquale. Poi sospensioni che si intersecano con intrighi di trombe, giochi di flauti in colonne sonore a venire. In Her Garden dei tedeschi Colour Haze fiorisce di fiati, tastiere, archi sognanti accanto a canoniche trame di chitarra in distorsione che all'inizio sono grevi e piene, in versione stoner, poi si alleggeriscono, sembrano aleggiare in rif e accordi liquefatti; si dinamizzano insieme alla batteria, alla voce di Stefan Kogler che cerca il canto all'insegna di fiori piantati negli anni Settanta, tra svuotamenti e riempimenti alternati ancora i fiati in Labyrinthe , rallentamenti meditativi, contemplazioni e scatti che arrivano alla fine a una vera e propria apoteosi di rincalzi in regime di rullante.

A questi due dischi si aggiunge l'ultimo splendido dei Causa Sui, Vibraciones Doratas , in vinile verdino, declinante verso il turchino. Disco possente, di complessione stoner, di pietraie sobbalzanti, raucedini di distorsore; ma come sempre nei Causa sui all'improvviso si placano vaporando in sfondi di tastiera, arpeggi di basso, chitarra arabescante, rimuginante le proprie efflorescenze nel mezzo di El fuego. Giona Nazzaro. Kamasi Washington — Harmony of Difference : Il suono dello spirito universale. Run the Jewels -3 : Hip-Hop.

E basta. Slowdive - Slowdive : Meraviglia inattesa. The xx — I see you : Traslucido e documentario. Ryuichi Sakamoto - async : Commozione purissima. Ritorno alla vita. Robert Plant - Carry Fire : Mai guardare indietro. Urgente e dentro le cose. Sparks - Hippopotamus : L'arte ineffabile del pop. Alice Cooper - Paranormal : Chitarre come non se sentivano da tempo nell'hard rock. King Krule — The Ooz : Nottetempo, casa per casa Alberto Asquini. Di musica bella, bellissima ne esce sempre molta. Per dire: ho trovato pace infinita nel disco di Kara Lis-Coverdale che mi pare davvero una piuma.

Non vorrei altro nelle mie cuffie. E allora da Roma via di andate e ritorni in solitaria di aerei per Londra o treni per Padova nel batter di 24 ore o meno per un Gas o una Grouper. E chissenefotte di concerti in posti brutti, dove si sente male, con persone orribili. Magari solo per il gusto di eliminare dalla to-do-list un artista che avrei voluto vedere da tempo.

Insomma mi sono accorto di essere cresciuto, o invecchiato. Che poi, credo, sia la stessa cosa. Michele Casella.

Trouble — Snake Eyes : oscuro come la pece, inquieto come il blues e rutilante come il jazz, un EP semplicemente perfetto. King Krule — The Ooz : un album semplicemente oscuro e sublime, che non teme lo scorrere del tempo. Kamasi Washington — Harmony Of Difference : il jazz spiegato ai bianchi. Godspeed You! Can — The Singles : le radici del ritmo contemporaneo. Mount Kimbie — Love What Survives : la nuova elettronica incontra la sua matrice indie.

Cecilia Ermini. I miei 20 dischi dell'anno in ordine di ossessione. Pallbearer - Heartless : l'acme assoluto del doom metal. Ryuichi Sakamoto — Async :Il magico accordo fra dissonanza e armonia. Enzo Mansueto. Thundercat - Drunk : collaborazioni e direzioni centrifughe: scenari nuovi, dal riuso, sono ancora possibili.

Protomartyr - Relatives In Descent : Post-punk rock will never die! Jlin - Black Origami : elettronica e ritmo, ritmo soprattutto, sono ancora territori ampiamente esplorabili. Algiers - The Underside Of Powers : le Pantere Nere in un incubo sonico post-punk, con voci e suoni che sanno incendiare influenze centrifughe. Una garanzia. Perfume Genius — No Shape : quarto album per Mike Hadreas: un angelo vocale e compositivo in costante crescita.

Cigarettes After Sex — Cigarettes After Sex : il nome e il titolo dicono tutto… Mogwai — Every Countri's Sun : una certezza, una fede, una colonna sonora del globo per gli ultimi decenni. Kendrick Lamar - D. Una domanda del genere non lascia indifferenti e la produzione spiazza e coinvolge. Helena Wittmann. Two discs were important for me this year, but they are not from … I name them anyway:. Since then I listened to it so many times, often before I fall asleep, surrendering myself to the light, yet complex sounds and let them take me away.

I trust this music. It is so overwhelmingly much and this reassures me. There is no end… I am happy about that. During this time, I came across Elza Soares and her newest disc. She is an elder lady, but her power and bravery never stopped. Her life story is crazy, her music deep, slightly aggressive, her voice edgy.

Then, there is the music by Nika Son, of course. Yann Gonzalez. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nulla varius arcu at sollicitudin ornare. Praesent libero odio, egestas ut neque a, iaculis dictum felis. Suspendisse molestie id odio nec semper. Donecmollis interdum blandit.

In hac habitasse platea dictumst. Morbi non leo sit amet purus elementum aliquaa quis urna. Cras ut varius justo. Praesent tempus mollis laoreet. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Pellentesque eu nisl a nisl dapibus pellentesque a id nulla.

Aenean et risus malesuada, ultrices nunc eget, auctor urna. Nam in libero eu ligula laoreet euismod et vitae nulla. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur. Phasellus commodo lacus sit amet mattis fermentum.

Fusce tristique velit at ligula finibus pellentesque. Etiam feugiat metus interdum dui gravida tincidunt. Maecenas purus mi, molestie a volutpat ut, vulputate et nisl. Vivamus imperdiet, urna vitae posuere imperdiet, nulla sem ornare neque, id malesuada odio quam vitae nisi. Darrel short film from DarrelShort on Vimeo. I colori del noir. Una pestilenza, un contagio, un terribile virus, ha colpito l'immaginario e distrutto i luoghi deputati al suo esercizio, dopo aver distrutto le anime di coloro che ne usufruivano.

Dico sul serio. Quando hai visto qualcosa che ti ha colpito profondamente? In recent months, Willie Varela has been returning his key video works, the Ambiens Series , to the public eye. Varela is best known as a lyrical filmmaker, but his video work demands equal attention. This is not only because it represents an extension of his cinematic work, with its poetic attention to landscape and compositional values.

Varela should also be considered as someone who has pushed the aesthetic boundaries of the medium of analog video, exploring the unique haze and diffused light that characterize this once-new medium. Cemeteries are known to be places of ambiguous nature. They separate the community of the living from the community of the dead, but at the same time they link the there-ness of death to the here-ness of living. They represent the ultimate destination for every individual and, as forums for spiritual exchange, they re-emphasize the finality of death.

One of the most important traits Willie Varela inherited from his mentor Stan Brakhage is his sense of light. Brakhage, a true master on par with Turner in terms of his ability to depict the subtle, almost imperceptible nuances of luminance, explored light in all its forms and through all possible variables. Varela extends this approach, synthesizing it with his own unique aesthetic sensibility and cultural background to forge a vision truly his own.

La musica vista da registi, critici, musicisti, produttori. Questa introduzione si compone per scelta calibrata di una serie di citazioni da libri molto diversi tra loro ma che pure ruotano intorno a quella urgenza fondamentale. Con tutta la costanza e tutta la speranza. Victor I.

The fortunes creates at Bordeaux, at Nantes, by the slave trade, gave to the bourgeoisie that pride which needed liberty and contributed to human emancipation. Breton, Manifesti del Surrealismo. O sospiri di ambra, sogni, sguardi. Distingueva tre categorie: i cilindrici, gli sferici e quelli a forma di torta. Georg Christoph Lichtenberg. Aforisma attribuito a Democrito. Sulla scena del mondo si rappresenta la farsa della mondializzazione. Ci sono figure che ritornano con una certa frequenza nella storia del cinema.

Si tratta di figure archetipe, spesso provenienti dal mondo della letteratura, del teatro o dei fumetti, che il cinema ha saputo far sue, plasmandole e sviluppandole secondo le proprie esigenze. Ma cosa si nasconde dietro questo loro costante, perenne ritorno? Eliot, Burnt Norton in Quattro quartetti. Musica: Tu straniera.

Tu spazio del mio cuore cresciuto oltre di noi. Alla Musica , Rainer Maria Rilke 1. Le cose significative del da serbare, ricordare. Un'operazione non feticistica, almeno nel nostro caso, quanto invece di iniziazione del nuovo anno, del prosieguo: incentivo alla continuazione, in esistenze di scritture, ripensamenti, invenzioni. Iniziamo con A Lullaby to the Sorrowful Mystery Non possiamo dimenticare quello che eravamo Niente rimane.

Tutto si perde. Rilke, Lettere a un giovane poeta. Ella aveva un senso acuto della festa. Di positivo resta solo il suono delle campane; quanto al venticello, ognuno se lo fa come vuole, al pari di molte altre cose. Landolfi, La pietra lunare. Irene Dionisio, 30 anni, torinese. Nel suo curriculum, tra le altre cose, videoarte e documentari. Un film di storie e vite che nel Banco dei pegni trovano il loro teatro; con gli oggetti impegnati, e la speranza di riscattarli, a comporre il sentimento dei personaggi. Un cinema in divenire, quello di Xander Robin, tanto nel processo di creazione, quanto nelle immagini che si stampano sulla pellicola: i corpi dei personaggi come involucri fragili, portati alla continua metamorfosi dai loro stessi disturbi compulsivi.

Bresson, Dreyer. La musica "vista" da chi si occupa di cinema. Gadda, La cognizione del dolore. Diviso in segmenti, questo affascinante lavoro di found footage assemblava al suo interno frammenti audiovisivi di diversa natura: filmini di famiglia, cinegiornali, una sequenza di Miracolo a Milano. Quattro voci, mantenute anonime sino ai titoli di coda, ne orientavano il senso generale, lasciando emergere quattro storie accomunate da un desiderio di redenzione. In altre parole, tornano in vita, o meglio, sopravvivono. Noi siamo meno che umani, puri dal vizio della morte.

Vanna Carlucci Persi il contatto con il mondo: vi nascevo allora in quel buio desolato. I contorni delle cose salivano alle pupille ma non arrivavano al cervello. Il mare verticale , G. War is cinema, cinema is war Paul Virilio. Simone Arcagni incontra Action Ludwig Wittgenstein, Tractatus Logico-philosophicus.

Pensi che ci siano delle cose che dovrei fare per renderlo migliore? Quello che hai messo sulla pagina voglio che me lo porti sullo schermo! Dick a cui ha fatto seguito una performance finale aperta al pubblico. Fare: sollevare. Fare il verbo. Non dire. Non una cattedrale sommersa, come ha fatto Glimmung, ma un suono. Chiara Guidi. West e Thomas H. AZ, New York, Leonardo Gregorio e Michele Sardone Autore apolide di un cinema personale, visionario, che della forma ha fatto racconto e viceversa.

In particolare, dei suoi ultimi due lungometraggi: dalla lotta per la sopravvivenza di Essential Killing , al grottesco messo in catastrofe in 11 Minutes , presentato il 25 febbraio scorso al Cineporto di Bari in presenza del regista. Antonia Pozzi, Antonia. Chi era Antonia Pozzi? Leonardo Gregorio e Matteo Marelli Forse il mistero del suo cinema non lo conosce neanche lui davvero, o semplicemente non vuole raccontarlo. Abbiamo incontrato in albergo il regista portoghese, poche ore prima della serata al Cineporto di Bari. Il regista non taglia in montaggio le due inquadrature, lascia che questo minuscolo, insignificante incidente resti per sempre integrato nella sua opera.

Non si tratta affatto di una programmatica accettazione del caso. Aveva deciso di lasciarsi trasportare anima e corpo dalla corrente, come una foglia portata dal vento… galleggiante senza mai aggrapparsi a niente… giramondo per ponderatezza… non come altri per disperazione. Del resto, opere di questo tipo sono di frequente distribuite e proiettate in 2D senza che nessuno, o quasi, si accorga che ne esiste una versione tridimensionale.

De facto , interrompono il flusso narrativo, chiedendoci di prestare attenzione a un escamotage del tutto ridondante. Dopo il terzo lancio, la routine diventa noiosa, anzi, fastidiosa. Forse davvero si consiste negli oggetti, in quegli strati che si utilizza, si rappresenta Qui non ci sono problemi. Sono riuscito a fotografare delle lacrime vere molte volte. Ho paura delle lacrime vere. Infatti non so se ho il diritto di fotografarle. Breve candela, spegniti!

Macbeth , atto V, scena V. Era Santarcangelo dei Teatri. E poi terra dalla quale riemerge un antico supporto, pellicola , immagine che sta per configurare una memoria. Una delle definizioni fondamentali potrebbe essere questa:. Eppure la tormentata avventura con i Velvet Underground - un inanellamento di fiaschi commerciali con tanto di inevitabili dissapori che porteranno al prematuro scioglimento - non aveva fatto sperare nulla di buono. Piombato a Londra, si invaghisce della stravagante figura di David Bowie, appena di ritorno da un malinconico viaggio interstellare nei panni di Ziggy Stardust.

Bufalino, Calende greche. I nemici, veri o presunti, sono comunque da intimidire, da rendere inoffensivi anche con la paura. In Mad Max: Fury Road non esistono traiettorie sicure, ma si cavalca col volante in mano evadendo da una forma di prigionia degli occhi. Manoel De Barros. Il visibile dell'invisibile uscito appena un anno fa; e gli altri due articoli a firma di Cappabianca e Bruni, che riescono a delineare un profilo d'altronde irriducibile. Poi le interviste agli autori ospitati nella quarta edizione di " Registi fuori dagli sche r mi ", tra maestri e talenti emergenti, poliedrici, come la Klotz, della quale attendiamo il nuovo film prodotto da Jacque Audiard.

Bruno Roberti Uno. La Valle delle origini o le ali che sbucano dal terreno: acque superiori e inferiori, un cinema elementale. Daniele Dottorini Il lavoro del film. Giorgio Agamben. Ci sono molte parole nel teatro di Elfriede Jelinek. Matteo Marelli. Lewis Carroll.

Scott Fitzgerald. In Hannah Arendt , il film dedicato alla grande filosofa tedesca allieva di Martin Heidegger, le due tendenze sembrano concentrarsi in un unico punto di focalizzazione. Immagini, suoni, invenzioni, sperimentazioni, realismi, deformazioni. Circa due anni fa, a Bari, durante la seconda edizione di Registi fuori dagli scheRmi , la nostra redazione ebbe modo di conoscere personalmente Shinya Tsukamoto. Le domande sembravano scivolare verso i due registi seduti al suo fianco. Sorrideva di tanto in tanto, durante le brevi risposte, spesso monosillabiche, alle domande rivolte.

Il tono di voce era bassissimo. La traduttrice dovette spostarsi per avvicinarsi un po', senza farsi vedere. Il timore che i registratori non riuscissero a catturare quei sibili. Ai suoi piedi, un groviglio di strade e vicoli stretti si dirama fino alla Piazza Grande, dove in agosto, durante il Festival del film, un enorme schermo rettangolare viene issato per consentire ad abitanti e visitatori di godere di esotiche visioni sotto le stelle. A tal proposito si riesaminano alcune categorie zubiriane, heideggeriane, deleuziane circa lo spazio e il corpo.

Mi metto a ridere. Elegie duinesi , R. Ci verrebbe da dire entrambi. Da ostentare, da vendere. Da simulare. E oggi la Chiesa cattolica si appresta a interrogarsi, dopo millenarie chiusure, sui temi della coppia e sui problemi del sesso proprio a partire dalla condizione femminile. Allora il film Venere in pelliccia di Roman Polanski consente anche al cinema di discutere da un punto di vista originale il tema del conflitto dei sessi.

Per quello che non ha, per quello a cui tende, per quello che non ha previsto. Su un grafico spaziale: il Teatro Valle tra ri-occupazioni e ri-aperture, le lotte padronali per il Teatro Eliseo. Quanta disperazione un sussurro? William Dollace Divorati Consumed il tit. In queste quattro orme le mie scarpe non entrano. Se in queste quattro orme le mie scarpe non entrano, di chi sono queste quattro orme?

Di un pescecane, di un elefante appena nato o di una papera? Come ogni mattina ero in macchina Il motore singhiozzava e la radio annunciava la pioggia. Ho avuto paura di sentire un dolore al petto. Ho fatto un respiro profondo Ula avanzava verso di me e io mi allontanavo. Anche se mi sembra che lei stesse gridando. Ho pensato che avrei potuto tornare in me se avessi voluto. Alzarmi e accompagnare il bambino a scuola. Molto meglio. Li guardavo mentre chiudevano la bara. Faceva freddo Sono tornato a casa.

Who watches the watchmen? Quis custodiet ipsos custodes? Come mai questa domanda di Giovenale, che ha ispirato il titolo della serie Watchmen? Lo abbiamo intervistato. Leonardo Gregorio Un alito di vento, una bufera. Paul Vecchiali ha portato il suo cinema caldo e freddo, ossimorico, ostinato e libero alla ventesima edizione del "MedFilm Festival" di Roma, che lo ha celebrato conferendogli il Premio alla Carriera.

Vanna Carlucci Siamo dentro un deserto di voci, deserto umano. A terra residui di presenze, indumenti sporchi e lisi sotto il respiro affannoso e subacqueo di uno sguardo, ricordi di vita lontana, frammenti di dipinti macchiati dal tempo, polvere del tempo assorbito dalla terra. Michele Sardone Il sistema del giudizio segue uno schema meccanicistico, nel quale ogni elemento consegue dal precedente: infrazione, riconoscimento della colpa, giudizio, espiazione. Si tratta, ad essere precisi, di una preziosa traduzione — a cura di Simona Fina e Federica Niola — di quei testi scritti tra il e il e pubblicati in quattro volumi, per le edizioni Imago, in Brasile.

Le riprese del film erano iniziate quasi quattro anni prima, nel settembre del , a Venezia, per poi proseguire a Mogador e Safi in Marocco, quindi a Roma, Tuscania, Viterbo, nuovamente a Venezia e infine ancora in Marocco. Luigi Abiusi Mentre in sala arrivano film importanti, comunque li si veda, la si pensi, ecc.

E su cui basta fare un nome su tutti: Jean Luc Godard. Nicola Curzio - Matteo Marelli Questa intervista non comincia. Abbiamo deciso, anche per rispettare le indicazioni di messa in scena emerse durante il discorso, di intervenire il meno possibile a posteriori. Domande e risposte si succedono secondo il disordine della conversazione.

Francese, classe , il regista guarda al cinema — che conosce, e molto bene — con gli stessi occhi di quando, bambino, nelle videoteche, ha scoperto di amarlo senza averlo mai visto. A seconda del sangue che ti sprizza da occhio, bocca ed orecchio varia la tua chiave.

A seconda del vento che via ti spinge s'aggruma attorno alla parola la neve. Andrea Bruni Oltre la soglia. Oltre la soglia. Tutto e niente. Mitologico vaso di pandora, groviglio di piaghe antiche ed energie dissonanti. Spettri custodi, che giacciono nelle viscere della terra e ciclicamente assestano scosse telluriche per scuotere dalla consuetudine la ragione. Irina e Otello sono due ingenui. Due diversi. Assediati dagli appetiti. Comunicano a monosillabi o a frasi fatte.

Attuare degli spostamenti progressivi, dentro alla geografia dello spazio scenico, ma, sia ben chiaro, senza alcun coinvolgimento forzato dello spettatore. Nella tempesta. Tra gli ultimi lavori vanno annoverati i memorabili Un tram che si chiama desiderio , Francamente me ne infischio , A.

Il Dottor Lombardi; Silvio, di lui figliolo. Beatrice, torinese, in abito da uomo sotto nome di Federigo Rasponi ; Florindo Aretusi, torinese di lei amante. Brighella, locandiere ; Smeraldina, cameriera di Clarice. Anthony E. Si legge il libro e, attraverso dei codici e delle parole chiave appositamente evidenziati, si affina o si complica o si depista la lettura, accedendo ai video relativi sul sito, partecipando alle discussioni e alla realizzazione stessa del racconto, oppure semplicemente al reclutamento sulla rete di altri adepti operazione appannaggio dei 26 deputy nominati dallo stesso Zuiker, sulla base della frequenza di interventi dimostrata sul sito.

Krasznahorkai , pp. Schelling, Sistema dell'idealismo trascendentale. Protagonisti due fratelli che anelano ad andarsene dal villaggio. Essere dentro una stagione che attende la prossima. O meglio: il mostrare in maniera chiara ed esplicita il proprio punto di vista. La sua carriera cinematografica prende avvio infatti dalla stesura di una teoria del documentario, di cui il suo primo film, Aquabat Jaber.

Un film-saggio. Non considerandosi colui che svolge una professione, in questo caso quella del regista, ma piuttosto colui che porta avanti una ricerca, estetica e politica, appunto. Ma l'occhio indagatore non giunge ad alcuna conclusione razionale, anzi, le tracce visibili sono solo apparenze, fatte apposta per cogliere in fallo il raziocinio, frammenti e frame residui di uno specchio immaginale rotto.

Dicono che vagasse molto, molto lontano, per mare e per terra. Ma era molto saggio Non per pigrizia o per costipazione del tempo. Ma per un cruccio che non so risolvere. Mi spiego. Scrivere su una rubrica di teatro. Jacques Derrida La rovina si mostra da sempre in atto come forma data e mai pienamente compiuta. Anni Sessanta. Non ha avvertito nessuno. Artaud in Pasi , p.

Rispettavamo John Ford e i suoi western, ma volevamo fare il nostro film western. E forse questa forza ci veniva proprio dalla televisione, dove nessuno ci impediva nulla. Io ho fatto delle cose incredibili in TV. Per esempio: dovevo girare una scena con un uomo su una sedia a rotelle.

Ora, gli obiettivi di cui disponevamo in televisione non mi permettevano di fare queste cose. Dietro gli allestimenti spettacolari del potere c'erano i campi di concentramento. Ma che cosa ha spinto HPG, pornodivo affermato e pioniere del gonzo francese, ad aprire i suoi archivi privati? Campana, La notte , in Canti orfici. La dea indossa una cintura di serpenti che le stringe la vita, campanelli le pendono sulle guance e un copricapo a forma di mezzaluna le copre la testa. Sui suoi arti smembrati compaiono piccoli aspidi guizzanti e teste stilizzate di serpente.

Nicola Curzio Il Film come un corpo. Qualcosa che muta e si trasforma, in un continuo divenire; che vive e muore in ogni istante, in ogni inquadratura, fino a quando lo schermo non diventa completamente buio e si riaccendono le luci in sala. Mariella Lazzarin Motore. Tsukamoto Shin'ya Versione originale Da bambino avevo la testa fra le nuvole. Visto che non andavo bene a scuola, per fuggire da quelle preoccupazioni scindevo il mio cervello dal corpo e volavo nel mondo della fantasia.

Nel mondo della fantasia ero assolutamente libero, mi perdevo nella storia che avevo costruito nella mia testa. A volte esprimevo tutto questo con delle immagini. Il mio libro di testo diventava tutto nero a causa delle immagini di fantasia che fluivano dal mio cervello.

Giampiero Raganelli Reduce dall'entusiastica accoglienza a Cannes con il suo ultimo lavoro, Norte, the End of History , Lav Diaz si conferma come uno degli autori di punta del cinema mondiale. Il libro di Bertozzi si propone esso stesso come opera di recupero e di ricombinazione: ritroviamo La verifica incerta di Grifi e Baruchello e riemergono, tra gli altri, Gioli e Ken Jacobs, Peleshian e Chris Marker, tutti autori che hanno fatto del found footage un'arte del ricordo e che rischiano a loro volta di essere dimenticati. Abbiamo incontrato Marco Bertozzi durante il laboratorio Digital Heritage tenutosi a Bari lo scorso giugno presso la Mediateca regionale pugliese e organizzato dall'associazione Frammenti e ne abbiamo approfittato per parlare con lui del suo Recycled cinema.

Purtroppo non ho mai avuto il piacere di conoscerlo personalmente. La prima volta che mi recai in Portogallo fu nel gennaio del , poche settimane dopo il nostro si spense. Vero incontro, profondo, lo ebbi con la sua opera sei anni fa, quando vidi per la prima volta un suo film. Le mie visioni sono sempre cinematografiche ed il film fu concepito in questo modo. Appaiono improvvisamente nella mia testa, in alcuni giorni, in certi momenti. Josef Von Sternberg. Vale a dire, in linea di massima, one scene one shot. Ogni piano deve essere critico.

Harmony Korine mostra il lato ferino, orgiastico, brutale, che cova al di sotto del superficialmente innocuo e patinato immaginario giovanilistico. Con lui la creazione si faceva nella carne viva. Viveva sulla falda tra il fondo degli abissi e il massimo della luce. Hanno detto molte cose. Non mi hanno detto molto.

Sono andati via. Sono invecchiati. L'immagine e l'opera del filosofo tedesco la rappresentazione di questa utopia, quindi il reale. Va ad una selezione, nel corso della quale i selezionatori e uno psicologo parlano a lungo di lui: ne restano colpiti per probabili turbe psichiche che riscontrano — senza che lui se ne renda conto — nei suoi comportamenti.

Raffaele Cavalluzzi Freddie, il protagonista di The Master di Thomas Anderson , sarebbe di regola un caso clinico: quello di un marinaio americano disturbato, reduce dalle battaglie delle isole orientali del secondo conflitto mondiale, che si rifiuta di essere curato da medici e psicanalisti. Basti pensare alla crisi della Titanus di Goffredo Lombardo, letteralmente svenatosi per i forti investimenti richiesti dalla produzione di Sodoma e Gomorra , , di Robert Aldrich e de Il Gattopardo di Luchino Visconti, anche se va sottolineato come in quegli anni il valore del mercato italiano superasse ampiamente quello di Gran Bretagna, Francia e Germania….

Crede che questi registi abbiano influenzato il suo lavoro? Per Low Tide si sono poi aggiunti Julie Brenta montaggio suono e Thomas Gauder missaggio , anche loro stretti collaboratori dei Dardenne. I miei film hanno come punto di partenza luoghi e persone reali, ai quali adatto la mia storia, cercando di coglierne e di rappresentarne al meglio le proprie idiosincrasie. Gianfranco Costantiello Le immagini nel cinema di Santini sono lo scarto di uno sguardo diaframmatico, interiore, evanescente. Portato via da un incidente stradale, investito da un taxi, proprio come Angelopoulos. Jacques Derrida.

La morte. Si presta senza assoggettarsi, si concede mantenendo una certa indipendenza. Lo hanno accettato: ma sono davvero in grado di realizzarlo? Pier Paolo Pasolini, Scritti corsari. Dunque attesissima. Sembra essere questa la prima domanda che viene in mente dopo aver visto il film di Bellocchio. Un film che, come sappiamo, prende le mosse dalla vicenda di Eluana Englaro, protagonista assente, che resta sullo sfondo a fare da collante alle altre storie che a essa si intrecciano. Se due lo pensano uguale si stanno fregando.

Non occorre trincerarsi dietro facili o difficili… certezze ideologiche preconfezionate, ma tentare di comprendere il cambiamento per elaborare risposte adeguate. Matteo Marelli Francesco Saverio Marzaduri dimostra ferma autonomia intellettuale. Presa di posizione supportata da solide argomentazioni, che sono quelle che costituiscono il suo saggio, Noul Val. Il nuovo cinema romeno , primo articolato studio — teorico, analitico e di sintesi — mai realizzato finora sulla cinematografia romena.

Estratto da S. Velotti, La filosofia e le arti. Prologo metafisico Gli Dei Monocoli, sui loro troni di marmo, governano ed osservano. Ma da molto, moltissimo tempo gli Dei Monocoli sembrano mute statue lignee con aria da Sfinge. Troppi fantasmi senza pace urlano fra Il Sunset Boulevard e la Morgue. Anime in pena sbranate dal Moloch del Buon Senso. Ed i suoi cuccioli dementi: il Politically Correct e la Censura Catodica. Il Caso.